Servizi educativo abilitativi per i disturbi del comportamento e dell'apprendimento

Direzione scientifica Dott. Danilo Verdicchia


PER CONSULENZE

segreteria@paideiasrl.it


SEDE LEGALE

Via Montaletto 1290
47522 Cesena (FC)


Rappresentante Legale
Dott.ssa Chiara Antoncecchi

amministrazione@paideiasrl.it
paideia@pec.paideiasrl.it

La Direzione scientifica

Dott. Danilo Verdicchia

direzionescientifica@paideiasrl.it

Quale inclusione ed integrazione scolastica per i bambini affetti d'autismo durante l'emergenza del COVID -19.


Sono doverose delle precisazioni.


Cosa si intende per attività didattica a distanza?

Le attività di didattica a distanza, come,   peraltro, ogni attività didattica nel mondo scolastico,affinchè possano definirsi tali devono compendiare una progettazione sistematizzata e organizzata  dei saperi. 

Tutto ciò è possibile se si realizza una interazione tra  gli attori imprescindibili di ogni processo educativo : docenti ed alunni.

  Ci possono essere una eterogeneità di strumenti attraverso i quali la didattica possa concretizzarsi: ne restano sempre validi i fondamenti, a patto che questa relazione non venga violata.

Ci giungono tante richieste di aiuto da parte di famiglie che esprimono la loro doglianza per una mancata relazione tra i propri figli, i compagni e i docenti nella costruzione di questo percorso di didattica a distanza, ingeneratosi dall'emergere delle criticità del COVID- 19.

Si tratta soprattutto di famiglie con bambini e ragazzi affetti da autismo.


PAIDEIA attraverso la comunicazione sincrona a mezzo skype, zoom, whatsapp sta realizzando giornalmente percorsi educativo abilitativi con tanti bambini e ragazzi presi in carico.

L'apporto consulenziale continua ad essere erogato attraverso contatti con il personale educativo che costituisce i team di professionisti privati scelti dalla famiglia ed in collaborazione con le istituzioni scolastiche ove se ne siano rese le condizioni di collaborazione.


Materiali personalizzati ed indicazioni puntuali vengono fornite ai genitori, agli operatori e ai bambini e ragazzi che ricevono dispense con attività didattiche e riabilitative che consentono la prosecuzione del loro percorso già intrapreso.

Ma non manca mai il contatto con il Supervisore dell'intervento educativo stesso.

Il Dott. Verdicchia raggiunge attraverso la video confecence call ciascuno dei suoi assistiti, affinché non venga meno quel rapporto umano al quale PAIDEIA da sempre riserva ogni priorità.


Tutto ciò consente di poter operare una valutazione degli apprendimenti ed un aggiornamento dei piani di apprendimento personalizzati, consentendo ai singoli bambini e ragazzi, e alle loro famiglie di non vedere interrotto un cammino di Speranza per un futuro luminoso.





PAIDEIA srl nell'ambito del Progetto "Figli felici" vuole promuovere la diffusione del Registro per la bigenitorialità .

Si tratta di un registro amministrativo per il diritto del minore alla bigenitorialità con l’approvazione del relativo regolamento.
Al registro potranno essere iscritti i figli di tutti i genitori con residenze diverse, qualunque ne sia il motivo. La residenza del minore resterà una sola, ma le comunicazioni che lo riguardano dovranno fare riferimento ai due domicili indicati dai genitori. 
Per l’iscrizione del minore al registro è necessario pertanto che il minore sia residente nel Comune che istituisce il Registro, che almeno uno dei genitori ne faccia richiesta personalmente e che lo stesso genitore sia titolare della responsabilità genitoriale (ex potestà genitoriale).

Per bigentitorialità si vuole intendere il diritto del figlio a fruire dell’apporto educativo e affettivo di entrambi i genitori. Si configura come un diritto soggettivo, permanente e indisponibile del minore, legato alla sua persona a prescindere dai rapporti tra genitore e genitore, ovvero il legittimo diritto a mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori, anche nel caso questi siano separati o divorziati, ogni qual volta non esistano impedimenti che giustifichino l'allontanamento di un genitore dal proprio figlio. Tale diritto si basa sul fatto che essere genitori è un impegno che si prende nei confronti dei figli e non dell'altro genitore, per cui esso non può e non deve essere influenzato da un'eventuale separazione. Né su di lui si può far ricadere la responsabilità di scelte separative dei genitori.
 

Lo stesso M.I.U.R.  ha diffuso la Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015 con oggetto: Indicazioni operative per la concreta attuazione in ambito scolastico della legge 54/2006 -“Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli”.